Tour Colori Della Colombia - Nuquì

Tour Colori Della Colombia - Nuquì

Tour Colombia Richiedi un preventivo

Durata
15 giorni / 13 notti

Tour Colori Della Colombia - Nuquì

I colori della Colombia entrano dagli occhi per rubare l’anima: un viaggio affascinante tra aromi, sapori, cultura e Natura di Nuquì
Conoscere la Colombia è come entrare in un caleidoscopio di sensazioni sempre in movimento e delle quali non ci si sazia mai completamente! Un Paese che con fatica ha riacquistato un’identità messa in pericolo dal narcotraffico e che oggi, invece, ha saputo ritrovare il suo volto più vero, fatto di Storia, di Natura rigogliosa e ricca, di colori, di suoni e di profumi. Proponiamo un itinerario alla scoperta di una delle zone meno conosciute della Colombia, il Chocó, dove sentirsi dei novelli Robinson Crusoe, con i piedi che affondano nella sabbia e si lasciano accarezzare dal mare e gli occhi che si perdono nel verde della giungla. Dalla moderna Bogotà, attraverso le valli del Salento, nel triangolo del caffè, passando per Medellin, forse la città che più di ogni altra è rinata dalle sua ceneri, per giungere infine con un po’ di sconosciuta attesa fino nella regione del Chocó. Qui, dove la giungla e l’Oceano si sposano, in un abbraccio che si rinnova ogni giorno ad ogni marea, luoghi selvaggi, affacciati sull’Oceano nel nord-ovest della Colombia, per lo più senza strade o vie d’accesso importanti. E’ una delle aree più incontaminate della Colombia e con la maggiore biodiversità, dove la bassa marea crea ogni giorno nuove spiagge per poi farle sparire dopo appena sei ore. Nel 2016, finalmente, l’accordo firmato tra il Governo e i guerriglieri delle FARC ha messo fine ad una lunga guerra, durata oltre 50 anni, che ha impoverito il Paese e soprattutto queste aree che oggi cercano di aprirsi verso un Turismo più responsabile, coinvolgendo le comunità locali. La prima tappa è Nuquí, tranquilla cittadina o meglio villaggio affacciato sul Pacifico, con chilometri di splendide spiagge e la giungla, regina indiscussa, che la protegge alle spalle con la sua rigogliosa vegetazione così simile a quella dell’Amazzonia. Sembra un luogo fuori dal tempo, con le case quasi tutte con il tetto di paglia, niente automobili e niente Internet, solo lo sguardo della gente locale nel quale si legge una tranquilla accettazione del loro modo di vivere, più spesso allegra e gaia, e dove il concetto di modernità come lo intendiamo noi è fuori dai loro schemi. A Guachalito, adagiati sulle amache anche durante la notte, non occorre far altro che tendere l’orecchio e ascoltare rumori senza tempo delle onde che si rifrangono sulla spiaggia o, a poca distanza, il grido acuto delle scimmie urlatrici che giocano sugli alberi, pronte a saltare da un ramo all’altro in un girotondo continuo. Al tramonto, quando il mare abbraccia la spiaggia in una danza leggera, i colori del cielo e dell’acqua si uniscono e si fondono in un arcobaleno si ripete ogni giorno, mentre il sole torna nel suo letto per lasciar posto alla luna e alle stelle. 
Su queste spiagge, tra luglio e settembre/ottobre, arrivano le balene pronte per l’accoppiamento e per partorire i loro cuccioli, un’esperienza emozionante da fare almeno una volta nella vita! Questi mammiferi giganti entrano ed escono dall’acqua, morbidi e sinuosi, si tuffano, spariscono e ricompaiono, ed i loro “sbuffi” assomigliano ai lapilli di un vulcano in eruzione ma durano soltanto una manciata di secondi. 
Un itinerario non certo facile per via delle sistemazioni molto modeste ma proprio per questo più vere. 
Il canto delle balene, il mare, le onde, i rumori della giungla, i cieli stellati, la bioluminescenza che di notte crea scintille di luce: un luogo dove perdersi, un respiro che dà vigore all’anima. Un viaggio che ci conduce in una dimensione spazio-tempo dai contorni insoliti e in cui il tempo è scandito dal sorgere del sole, dal tramonto, dalle maree. Il senso di beatitudine è infinito e ogni pensiero vola via!

+

Solo Con Vuela

Un trattamento di benessere nella SPA della Cattedrale di Sale di Zipaquirá, per rilassare il corpo e lo spirito – i villaggi di Salento e Filandia - i Giardini Botanici del Quindio a Calarcà – Medellin e i siti della sua nuova identità - Piedra del Peñol e il villaggio di Guatapé (presso Medellin) – le spiagge ed i villaggi rurali di Nuquí, Guachalito e Panguí – la “cumbancha”, una danza tradizionale popolare del Chocò, insieme alle comunità rurali - la bioluminescenza notturna sulla spiaggia di Guachalito - l’avvistamento delle balene (da Luglio a Settembre/Ottobre) – la comunità di Termales – il tour della “street art” a Bogotà
servizi privati e guide locali in lingua italiana (escluso nella regione del Chocó, solo in lingua spagnola) - con 7 partecipanti nella medesima data è previsto l’accompagnatore dall’Italia - 11 pranzi e 5 cene.

Programma

La quota

comprende

  • Sistemazione negli alberghi indicati (3*/4*o similari) in camera doppia
  • Trattamento di pernottamento e prima colazione, come da programma
  • Pasti indicati nel programma (11 pranzi e 5 cene - bevande escluse)
  • Trasferimenti e visite con veicoli privati 
  • I voli per/da Nuquí, effettuati con piccoli aerei charter (non in uso privato ma condiviso con altri passeggeri)
  • Visite con guide locali in lingua italiana solo a Bogotà, Villa de Leyva, Armenia e Medellin; in lingua Spagnola nella sezione del Choco
  • Assicurazione di viaggio medico/bagaglio
  • Documentazione di viaggio 

non comprende

  • Biglietti aerei intercontinentali e domestici, in classe economica dedicata
  • Tasse aeroportuali obbligatorie inseribili nel biglietto
  • Pasti non indicati
  • Bevande durante i pasti indicati nel programma 
  • Mance
  • Extra di carattere personale
  • Tutto quanto non espressamente indicato in: “La quota comprende”
Quota

Partenze 2019: ogni domenica, dal 23 Giugno al 20 Ottobre.
Minimo 2 partecipanti (al raggiungimento dei 7 partecipanti, è incluso l’accompagnatore dall’Italia)
* La partenza del 4 Agosto prevede la partecipazione al festival dei Fiori a Medellin (con lievi variazioni nel programma di visite dei giorni 2 e 8, vedi riquadro per le attività delle giornate)

Quota individuale di partecipazione, in camera doppia:
Minimo 2 partecipanti: €3.940
Minimo 4/8 partecipanti: €3.650
Minimo 9/10 partecipanti: €3.550


Supplemento (obbligatorio) partenza del 4 agosto, per persona: € 180

Quota di iscrizione, per persona (obbligatoria): € 40

Supplemento singola: € 450

Choco e le Comunita' Rurali

Il popolo Chocoano ha resistito per lungo tempo al conflitto armato senza mai perdere la sua identità. Oggi le comunità rurali stanno ricostruendo le loro vite e il turismo ecologico è diventato il pilastro di quel sogno. 
La nuova fonte derivante dal Turismo è un beneficio per tutte le comunità del Nuquí-Chocó: Joví, Termales, Panguí, Tribugá, Arusí, Playa Blanca e Guachalito. È inoltre un supporto economico anche per il settore dei trasporti (barche e motocicli), alimentare, guide locali dell'associazione di Pichindé a Joví e COCOTER a Termales, hotel ed ecolodges, artigiani, musica e danza tradizionale della comunità di Panguí e Nuquí.

Festival dei Fiori di Medellin

 La partenza del 4 Agosto prevede la partecipazione al festival dei Fiori a Medellin. Le normali attività giornaliere dei giorni 2 e 8 vengono sostituite dalle seguenti:

2° giorno, lunedì 5/8/2019: Bogotà --- programma in occasione del festival dei Fiori di Medellin

Prima colazione. Intera mattinata dedicata alla scoperta di Bogotà nella quale convivono la vitalità seducente di una città che cresce e si rinnova e il volto coloniale e culturale che trae le radici nel suo passato. La città, suddivisa in 20 quartieri, è un crogiuolo di etnie e popolazioni che le regalano un aspetto culturalmente variegato. Situata a 2.600 mt slm, all’estremità orientale di un vasto altopiano chiamato “sabana de Bogotà” dove un tempo vi era un acquitrino, fu fondata nel 1538 dal conquistatore spagnolo Gonzalo Jimenéz de Quesada, che sottomise la popolazione locale di cultura “chibcha” e fondò la città chiamandola Santa Fé de Bogotà. Oggi è uno dei centri culturali più importanti del Paese. La visita inizia con un giro panoramico della città, iniziando dal centro storico meglio conosciuto con il nome di “Candelaria”, il cuore culturale e intellettuale di Bogotà. Le sue case coloniali ricalcano perfettamente lo stile spagnoli, con le alte finestre in ferro, grandi portoni in legno, balconi e bellissimi giardini interni, circondate da stradine strette e ripide, in un’atmosfera bohemienne che narra una storia neanche troppo lontana. Si prosegue verso la Plaza Bolivar, con al centro la statua di Simon Bolivar e altro punto di riferimento della città, sulla quale si affacciano la Cattedrale, il Palazzo di Giustizia e la Casa de Nariño, il luogo dove generalmente lavora il Presidente del Paese. Il Museo di Botero è poco distante: è in questo luogo che si possono ammirare alcune delle più belle opere dell’artista colombiano, pregiato pittore e scultore, conosciuto in tutto il mondo per i suoi soggetti “over size”. Tra le opere eccellenti ricordiamo la “Monalisa”, una sorta di rivisitazione personale dell’artista della celebre tela di Leonardo da Vinci. Le sue sale ospitano anche opere di altri autori del ‘900 tra i quali Picasso, Dalì, disegni a matita di Cézanne, opere si Bacon, Joan Miró, Monet e Renoir. Pranzo in corso di visita. Al termine si sale fino al vicino Cerro Monserrate, che con i suoi 3.2150 mt. di altezza offre una panoramica eccezionale sulla città. Da questo punto la vista abbraccia tutta Bogotà e ci si potrà meglio rendere conto della sua estensione e vi si trova anche un santuario, dedicato "El Señor Caído, meta di pellegrinaggio. Al termine, rientro in hotel. Cena libera.
Pernottamento in hotel 3* superior.

Nota: non si visita il Museo del oro, chiuso il lunedì

 

8° giorno, domenica 11/8/2019: Medellin: festival dei Fiori

Prima colazione. La giornata di oggi è un’esplosione di colori: la città si veste  di fiori per l’annuale Festival che attira moltissimi visitatori. Il Festival dura alcuni giorni ma è la domenica che ha luogo la processione dei “silleteros” durante la quale i partecipanti portano sulle loro spalle intricate composizioni di fiori che arrivano a pesare fino a 60 kg ciascuna. Il nome "silletero" deriva dalla tradizione secondo la quale questi agricoltori erano soliti (in alcuni paesini rurali questa tradizione è ancora in uso) portare i loro figli sulle sedie (oggi si portano i cesti di fiori). Le “silletas” sono in legno, con una tavola posteriore che aderisce alla schiena alla quale vi sono due manici che tengono fissa la sedia. Pranzo in corso di visita. Cena libera. 
Pernottamento in hotel 4*.

Curiosità: Medellin merita una visita durante l'annuale Festival dei fiori, che si svolge nell'arco di due settimane nel mese di agosto. Il primo Festival dei Fiori ebbe luogo il 1 maggio 1957 per celebrare la festa della Vergine Maria. Durante i cinque giorni di festeggiamento una vasta esposizione di fiori fu allestita all’interno della Cattedrale Metropolitana, a simboleggiare la fine della schiavitù durante la quale gli schiavi trasportavano uomini e donne sulle spalle su ripide colline. I fiori principali utilizzati sono gigli, garofani, agapanthus, girasoli, gladioli, crisantemi, rose e orchidee. Particolarmente interessanti la mostra di orchidee, uccelli e fiori e la parata dei Silleteros.

Note di Viaggio

Note di viaggio:
Partenze garantite con minimo 2 partecipanti (max 10 partecipanti). 
Il viaggio non è adatto a persone con problematiche di deambulazione, a causa della difficoltà di alcune visite e/o particolarità dei veicoli (non tutti i veicoli sono dotati delle particolarità tecnico-strutturali necessarie per portatori di disabilità motorie)

Validità delle quote di partecipazione: fino al 15 dicembre 2019 (data di fine viaggio) - Nota: tali quote non sono valide durante le festività nazionali, eventi particolari, Natale, Capodanno, Settimana Santa e Pasqua.

Importante: il clima, nella regione del Chocó, è umido, con temperature medie tra 29°C e 31°C. Le precipitazioni maggiori avvengono tra ottobre e dicembre. Consigliamo un abbigliamento comodo, costume da bagno, scarpe con suole di gomma, scarpe da scoglio, K-Way o mantella per la pioggia, cappello e occhiali da sole, creme di protezione solare, repellenti per insetti. Durante i trasferimenti in lancia è bene proteggere la macchina fotografica, il cellulare ed ogni altro oggetto danneggiabile. Chi ama fare snorkeling, è bene che rechi con sé la propria maschera ed il boccaglio. Raccomandata la vaccinazione contro la febbre gialla (alemno 10 giorni prima dell’arrivo nella regione del Chocò). La copertura per rete mobile è limitata e discontinua. L’elettricità è fornita 24h in tutte le strutture ad eccezione del lodge di Guachalito (dal mattino e fino alle 22.00) e in quello di Panguì (nessuna elettricità ma solo lampade: raccomandato portare una torcia elettrica). Non ci sono banche di cambio e pertanto occorrerà cambiare in valuta locale (pesos colombiani) prima di giungere nelle zone rurali. 
Durante il volo Medellin/Nuquì/Bogotà, il bagaglio massimo consentito è di 10 kg per persona in stiva e 3 kg per persona per il bagaglio a mano.

Comportamento responsabile: un viaggio nelle zone rurali è anche incontro con le comunità locali. Raccomandiamo di acquistare prodotti artigianali e prodotti che non abbiano danneggiato animali o l’ambiente; rispettare le comunità e le loro tradizioni; non danneggiare la flora e la fauna; non lasciare residui non biodegradabili al 100%; non sottrarre piante o animali. 

Cambio: il cambio applicato sui servizi a terra è il seguente: 1 € = 1,15. Eventuali adeguamenti saranno rivisto 21 giorni prima della partenza.