Tour Colombia Sabor Colonial

Tour Colombia Sabor Colonial

Tour Colombia Richiedi un preventivo

Durata
14 Giorni / 12 Notti

Tour Colombia Sabor Colonial

Un viaggio a ritroso nel tempo, lungo le orme di un passato coloniale nascosto tra le pieghe di un’architettura barocca e colorata, ascoltando i silenzi dei luoghi narrati da Gabriel Garcia Marquez.
Ogni Paese del continente sudamericano reca in sé una forte appartenenza alla cara vecchia Europa. Ecco Bogotà, la capitale della Colombia, città dalle molteplici facce. Essa si mostra nella sua veste antica aprendo le porte del centro storico, la Candelaria, così ben conservato da sembrare una rappresentazione teatrale in cui le scenografie sono gli antichi palazzi dalle facciate coloniali nelle quali il barocco spagnolo si sposa con la “street art”, nuova forma di arte moderna che rallegra edifici e palazzi mostrando, attraverso i murales, attimi di vita quotidiana. Ancora Bogotà, con le grandi opere del suo figlio più stravagante: l’artista Fernando Botero, le cui opere rappresentano l’uomo e la donna con forme tanto opulente e tondeggianti quanto irreali ma al tempo stesso così fortemente rappresentative dell’anima del proprio Paese.
Oltre Bogotà, verso nord, un capolavoro dell’ingegno umano, così particolare da sembrare quasi inconcepibile: la Cattedrale di Sale, luogo di culto all’interno della miniera di sale di Zipaquirà. Se nella nostra mente un viaggio all’interno della terra sembra impossibile, è in questo luogo che si sovverte ogni certezza: la preghiera diventa un tutt’uno con il respiro che a tratti si ferma per meravigliarsi di fronte alla grandiosità, chiedendosi quanto ci sia di umano e quanto di mistico. 
Attimi e momenti di un passato le cui radici affondano in una storia non tanto lontana vivono nelle città e villaggi della regione di Santander. Nomi che evocano atmosfere sopite ma ricche di fascino e seduzione: Villa de Leyva, Barichara e l’antico villaggio di Guane, terra dei Guanes, indigeni dalla cultura simile a quella di Azteca, adoratori del dio Sole. Arrivare a Cartagena, la “Perla dei Caraibi”, e lasciarsi incantare dalla sua colorata allegria è facile! La sua anima afro-caraibica ammalia e conduce a sud, seguendo il corso al contrario del grande Rio Magdalena, con la sensazione di entrare nelle pagine dei libri di Marquez, così evocativi di immagini care che si materializzano in figure bizzarre e misteriose. Si giunge a Santa Cruz de Mompox come sospinti da un vento che toglie ogni facoltà di pensiero e annulla il tempo: questa città addormentata, come per un fato inamovibile sospesa nella sua quotidianità, si dona agli occhi degli avventori con i colori delle sue chiese, lasciando che il fiume le carezzi gli argini. Alla mente affiorano i racconti di passioni, di lavoro, di leggende e miti, man mano che ci si avvicina ad Aracataca, ovvero “Macondo”, il villaggio dove Marquez ha ambientato il suo capolavoro “Cent’anni di Solitudine”. Ancora oggi la prima e costante sensazione è che il tempo si sia fermato: con gli occhi si cercano i personaggi della saga familiare più intricata della storia della letteratura. Mentre ci si ferma ad ascoltare il silenzio irreale e teatrale, la meraviglia si appropria del cuore di ogni viaggiatore attendendo il calar della sera, magari sperando di veder tornare lo zingaro Melquiades accompagnato dal colonnello Aureliano Buendia, in un lento quanto inesorabile incedere verso un’altra rappresentazione. 

 

+

Solo Con Vuela

Un trattamento di benessere nella SPA della Cattedrale di Sale di Zipaquirá, per rilassare il corpo e lo spirito – il pueblito di Guane e la cultura de los Guanes . il Cerro del Santissimo a Bucaramanga - i luoghi di Gabriel Garcia Marquez e la cucina afro-caraibica a Cartagena – San Basilio de Palenque - Aracateca/Macondo, i luoghi di Gabriel Garcia Marquez – Santa Cruz de Mompox 
Servizi privati e guide locali in lingua italiana - 7 pranzi 

Programma

La quota

comprende

  • Sistemazione negli alberghi indicati (3*/4*o similari) in camera doppia
  • Trattamento di pernottamento e prima colazione, come da programma
  • Pasti indicati nel programma (7 pranzi - bevande escluse)
  • Trasferimenti e visite con veicoli privati 
  • Visite con guide locali in lingua italiana (escluso il 9° giorno, a Cartagena: la visita è con guida in inglese/spagnolo)
  • Accompagnatore italiano dall’Italia (solo per le partenze di gruppo min. 10 partecipanti)
  • Assicurazione di viaggio medico/bagaglio
  • Documentazione di viaggio 

non comprende

  • Biglietti aerei intercontinentali e domestici, in classe economica dedicata
  • Tasse aeroportuali obbligatorie inseribili nel biglietto
  • Pasti non indicati
  • Bevande durante i pasti indicati nel programma 
  • Mance
  • Extra di carattere personale
  • Tutto quanto non espressamente indicato in: “La quota comprende”
Guanes

I Guanes sono uno dei popoli indigeni della Colombia e vivevano maggiormente nell’area oggi occupata dal dipartimento di Santander. Oggi è possibile conoscere la loro Storia culturale visitando Guanes, villaggio poco distante da Barichara, che conserva il molte testimonianze di questo popolo. L’arrivo dei “conquistadores”, nel 1531 circa, fu probabilmente la causa maggiore della decimazione dei Guanes a seguito delle malattie portate dal Nuovo Continente, a loro sconosciute, oltre allo sfruttamento nelle miniere d’oro da parte degli Spagnoli, in un clima così caldo al quale loro, abitando i freschi altopiani, non erano abituati. I Guanes, così come gli Aztechi in Messico, adoravano il dio Sole e avevano un calendario simile di 365 giorni costituito da pezzi di pietra ovoidale forata ed intagliata. Non lasciarono grandi testimonianze ma di certo la loro cultura fu superiore rispetto ad altri popoli che abitavano la Colombia. Erano organizzati in una società molto cooperativa e l’unica proprietà privata ara la loro abitazione, gli strumenti per i lavori agricoli e gli animali domestici, mentre la terra era proprietà di tutta la comunità. Alla base della loro economica c’era l’agricoltura, la tessitura (soprattutto il cotone) e utensili in argilla. Non conoscevano il ferro e in alcuni casi utilizzavano legni molto duri e resistenti o pietre in silice affilata).  
Differentemente da altri popoli, i Guanes avevano una corporatura abbastanza alta e forte ed avevano la pelle più chiara di altri. Avevano un abbigliamento molto particolare: uomini e donne indossavano una coperta stretta in vita e un’altra sulla spalla sinistra; i capi e le loro mogli aggiungevano una spilla d’oro al mantello. Portavano i capelli lunghi e non usavano calzature, almeno fino all’arrivo degli Spagnoli. I Guanes erano molto gelosi e se pensavano che la moglie fosse infedele…la costringevano a mangiare una grande quantità di chili piccante che bruciava l’intestino finché la malcapitata non confessava…e se si fosse dichiarata colpevole veniva uccisa!
Oggi il popolo Guane conta un esiguo numero di persone (non superano le 1000 persone) che vive maggiormente tra Bucaramanga e Barichara.

 

Quota

Partenze individuali, ogni sabato 
(Nota: tali quote non sono valide durante le festività nazionali, eventi particolari, Natale, Capodanno, Pasqua)

Quota individuale di partecipazione, in camera doppia:
Minimo 2 partecipanti: € 3.920
Minimo 4/6 partecipanti: € 2.880

Quota di iscrizione, per persona (obbligatoria): € 40

Supplemento singola: € 620

Partenze di Gruppo

Partenze di gruppo 2020: in fase di programmazione 


Quota individuale di partecipazione, in camera doppia:

Minimo 4/6 partecipanti: € 2.880
Minimo 7/10 partecipanti: € 2.580
(al raggiungimento dei 10 partecipanti, è incluso l’accompagnatore dall’Italia per tutta la durata del viaggio)


Quota di iscrizione, per persona (obbligatoria): € 40

Supplemento singola: € 620

Note di Viaggio

Note di viaggio: partenze garantite con minimo 2 partecipanti (max 16 partecipanti). 
Il viaggio non è adatto a persone con problematiche di deambulazione, a causa della difficoltà di alcune visite e/o particolarità dei veicoli (non tutti i veicoli sono dotati delle particolarità tecnico-strutturali necessarie per portatori di disabilità motorie). 

Validità delle quote di partecipazione: fino al 15 dicembre 2019 (data di fine viaggio) - Nota: tali quote non sono valide durante le festività nazionali, eventi particolari, Natale, Capodanno, Settimana Santa e Pasqua.

Comportamento responsabile: un viaggio nelle zone rurali è anche incontro con le comunità locali. Raccomandiamo di acquistare prodotti artigianali e prodotti che non abbiano danneggiato animali o l’ambiente; rispettare le comunità e le loro tradizioni; non danneggiare la flora e la fauna; non lasciare residui non biodegradabili al 100%; non sottrarre piante o animali. 

Cambio: il cambio applicato sui servizi a terra è il seguente: 1 € = 1,15. Eventuali adeguamenti saranno rivisto 21 giorni prima della partenza.