Nicaragua Classica
Durata
9 giorni / 7 notti

Nicaragua Classica

Tra vulcani spenti e altri ancora attivi, città coloniali con decine di chiese, deliziose piazzette, negozietti e venditori ambulanti, mercati artigianali, isole incontaminate nel bel mezzo di grandi laghi, lunghe spiagge, grandi poeti e palazzi in stile barocco e neoclassico. 

All’arrivo a Managua, in Nicaragua, è previsto il trasferimento in hotel per proseguire il giorno seguente per León,  la città nicaraguense della cultura universitaria per eccellenza,  nota per la sua architettura che va dallo stile Barocco al Neoclassico e culla intellettuale del grande poeta Rubén Darío (Padre del Modernismo e Cavaliere delle scritture castigliane). Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall'Unesco, a Léon si trovano bellissime opere d’arte: le chiese principali, la Recolección (Raccolta), il Calvario, la Cattedrale dove giacciono i resti di Rubén Darío. Visita del Duomo e della Casa Museo del poeta Rubén Darío. Pernottamento a Léon.

Si lascia Léon per un’altra splendida città coloniale, Granada, che ci riporta al diciottesimo secolo: le sue strade strette dove transitavano carrozze trainate da cavalli permettono di avere un’idea concreta delle abitudini dell’epoca della conquista spagnola. Sulla strada per Granada, sosta per visitare il Parco Nazionale del Vulcano Masaya e il mercato dell’artigianato più grande e più vario del paese. A Granada tour della città, visitando il Parco Central, la Cattedrale e il Convento di San Francisco conosciuto per la sua interessante collezione di statue precolombiane. Possibilità di una vista panoramica della città dalla torre campanaria della Chiesa di La Merced. Nel pomeriggio, gita in barca per visitare le Isletas del Lago di Nicaragua, un arcipelago di oltre trecento isolette ai piedi del Vulcano Mombacho. Pernottamento a Granada.

Da Granada si parte per l’isola di Ometepe, che si trova all’interno del Lago del Nicaragua, conosciuto anche come Lago Cocibolca, con sosta lungo al cammino alla Riserva Naturale del Vulcano Mombacho. A Ometepe, si visitano il Museo El Ceibo, che vanta una collezione di oggetti precolombiani composta da oltre 1.500 pezzi e una collezione di monete antiche. Si dorme sull’Isola di Ometepe

Il giorno seguente, dopo una visita alla Finca El Porvenir per ammirare le incisioni rupestri della zona, e al Lago Charco Verde si rientra sulla terra ferma per raggiungere San Juan del Sur, una delle più belle spiagge del Pacifico del Nicaragua. Giornata a disposizione per escursioni facoltative alla scoperta dei dintorni. San Juan del Sur è una graziosa cittadina situata nella baia omonima con belle spiagge e ristorantini dove gustare pesce e crostacei. Nelle spiagge vicine, è possibile praticare il surf grazie a delle belle onde. 

Il settimo giorno si rientra a Managua, con sistemazione in hotel e il giorno seguente, prima dell’imbarco sul volo per l’Italia, c’è tempo per una visita della città, situata sulle rive del lago di Managua, la capitale della Repubblica del Nicaragua dal 1852. Visita del centro storico della capitale, con il Parco Central, la Cattedrale di Santiago, il Teatro Nazionale Rubén Darío, il Palazzo Nazionale della Cultura (dove si trova il Museo Nazionale). Splendida vista panoramica della città dal Parco Storico Loma di Tiscapa, situato sulla laguna di Tiscapa.

+

Programma